RAI, UN SERVIZIO PUBBLICO TRADITO?

Vota questo articolo
(0 Voti)

E' stato difficile ricercare e trovare la corretta definizione del termine Servizio Pubblico Radiotelevisivo.

Talvolta il termine viene abusato, confuso, strumentalizzato o usato impropriamente, in particolare anche da coloro che dovrebbero utilizzarlo in modo adeguato per i ruoli e le responsabilità che esercitano.

Da una ricerca sul Web ci siamo imbattuti nel sito dell' Università La Sapienza di Roma che esplicita chiaramente il significato di Servizio Pubblico Radiotelevisivo attraverso questi contenuti.

Per Servizio Pubblico Radiotelevisivo s' intende un servizio di trasmissioni radiotelevisive, […], che garantisce imparzialità e completezza d' informazione e la tutela delle varie componenti della società del proprio paese. La radiotelediffusione pubblica, inoltre, punta a coltivare la qualità del proprio audience attraverso programmi educativi e culturali. Per tale servizio valgono gli stessi principi degli altri servizi pubblici ( eguaglianza, continuità e adattamento ).

La televisione, che nasce come servizio culturale, erogato a tutti i cittadini […] ha il compito di educare cioè prolungare presso gli adulti l' istruzione scolastica; informare, cioè dare notizie anche ai cittadini esclusi dalla lettura dei giornali e dalla politica; intrattenere, che comprende non solo il divertimento fine a se stesso, ma il coinvolgimento emotivo mediato dal cuore ( in una priorità marginale rispetto al perseguimento degli obiettivi precedenti).

Lasciamo ora a voi valutare se la Rai corrisponda limpidamente o meno a tale profilo....

Letto 166 volte Ultima modifica il Giovedì, 25 Febbraio 2021 14:45